Meditazione

Nella nostra sede c’è una sala dedicata al Silenzio, dove pratichiamo la Meditazione Creativa di Roberto Assagioli. Gli incontri sono quindicinali, il martedì e il giovedì dalle 19 alle 20, ed è possibile accedervi previo colloquio da prenotare in segreteria.

C O R S O   DI  L E Z I O N I  SULLA   P S I C O S I N T E S I

XI Lezione – 1963

LA  M E D I T A Z I O N E

 

Dott. R. Assagioli

manoscrittoMeditazione            La meditazione è uno dei metodi più efficaci per favorire ed attuare la psicosintesi. Essa richiede vari altri metodi e tecniche psicologiche: anzitutto la volontà. Questa è necessaria per disciplinare la mente (cosa difficile!) e per resistere alla tendenza alla estraversione ed alla dispersione che prevale nella vita moderna. La meditazione richiede inoltre nelle sue varie fasi la concentrazione, la visualizzazione ecc.

Anche alla parola meditazione, come a molte altre parole usate nella psicologia (ad es. mente, personalità anima) vengono dati significata diversi. Occorre quindi precisare in quale senso usiamo la parola “meditazione” nella psicosintesi.

La meditazione può essere considerata in senso stretto, come sinonimo di pensiero disciplinato, di riflessione sopra un tema; invece in un senso più largo, la meditazione include altre modalità di azione interna. Agli scopi della psicosintesi, è opportuno considerare e praticare la meditazione nel senso più ampio, indicando via via con designazioni appropriate il tipo o genere di meditazione del quale si vuol parlare.

I tre tipi principali sono: meditazione riflessiva; meditazione recettiva; meditazione creativa.

Affinché la meditazione possa essere efficace occorre una adeguata preparazione. Si tratta di passare dalla vita ordinaria, volta verso l’esterno, nella quale l’interesse e l’attenzione sono accaparrati dalle nostre preoccupazioni, dai  nostri progetti, dalle nostre attività, all'”azione interna” della meditazione. Questa preparazione è triplice: fisica, emotiva, mentale.

1) Rilasciamento fisico, eliminando il più possibile ogni tensione muscolare e nervosa.

2) Acquietamento emotivo, cercando di metterci in uno stato di calma.

3) Raccoglimento mentale, cioè dirigere l’interesse o l’attenzione della mente verso l’interno.